Il più grande porto della Polonia fiorì durante il Medioevo come città mercantile che commerciava l’ambra baltica. Nel XX secolo si sono verificati eventi a Danzica che avrebbero influenzato il corso della storia mondiale.

Il 1 ° settembre 1939 la Wehrmacht lanciò la sua Invasione della Polonia nella penisola di Westerplatte a nord della città. E poco più di quattro decenni dopo, nel 1980, Lech Wałęsa avrebbe trovato la solidarietà.

Come primo sindacato indipendente del blocco sovietico, la solidarietà avrebbe infine portato alla fine del dominio comunista nel 1989. Sia la guerra che la solidarietà sono ricordate con musei di livello mondiale. La città vecchia di Danzica, ricostruita dopo la seconda guerra mondiale, è un traliccio di strade fiancheggiate da alte case patrizie e mercantili, mentre enormi cancelli difendono gli ingressi verso terra e sul mare.

Vediamo cosa da vedere a Danzica ed esploriamo le cose migliori da fare a Danzica :

  1. Trakt Królewski (Royal Way)

Per tagliare al centro di Danzica e vedere una miriade di monumenti principali in una passeggiata, prendi questo percorso orizzontale verso est verso il fiume Motlawa tra due porte della città.

Lungo Ulica Długa (Long Street) e poi Długi Targ (Long Market), la Via Reale ottenne per la prima volta la sua designazione reale nel 1457 quando il re di Polonia Casimir IV Jagiellon entrò a Danzica.

Partendo a ovest dal cancello superiore e finendo al cancello verde, la strada è fiancheggiata da alti e stretti appartamenti patrizi dipinti con colori sbarazzini e ricoperti da timpani.

Ci sono molte più attrazioni e attrazioni degne di nota su Trakt Królewski di quanto potremmo stipare in un paragrafo.

Ma a Długi Targ 44 fermati per una foto dell’Artus Court, un luogo di ritrovo rinascimentale e una borsa valori, ora sede del Museo storico di Danzica.

  1. Chiesa di Santa Maria

Questa gigantesca chiesa gotica fu iniziata nel XIV secolo e, con un volume fino a 190.000 metri cubi, è annoverata tra le tre più grandi chiese in mattoni del mondo.

In piedi nella navata lunga 66 metri dovrai prendere un momento solo per avvolgere la testa attorno alle dimensioni di questo epico edificio che può contenere 25.000 fedeli.

Una grande ricostruzione fu necessaria dopo la Seconda Guerra Mondiale, ma tutti i suoi preziosi accessori furono salvati.

Puoi esplorare tesori come un orologio astronomico del 1460, l’altare maggiore innalzato nel 1510 e una meravigliosa pietà in pietra gotica scolpita all’inizio del XV secolo.

Se sei pronto per salire quasi 400 gradini, puoi combattere fino alla cima della monolitica torre principale di 77,6 metri.

  1. Fontana di Nettuno

Sul Long Market, a pochi passi dalla Corte dell’Artus è un simbolo duraturo per Danzica.

La fontana di Nettuno è un monumento manierista fuso in bronzo nella città nel 1615, ma non sarebbe stato installato per altri 18 anni.

Lo scultore era Abraham van den Blocke, originario di quello che oggi è Kaliningrad, ma con genitori fiamminghi.

Situata vicino alle sontuose case a schiera dove la sovranità polacca sarebbe rimasta a Danzica, la scultura della fontana mostra Nettuno che piega leggermente la testa in segno di deferenza.

Sul bacino sotto di lui si trovano pesci ornamentali e cherubini.

E se ti stai chiedendo, la foglia di fico sulle sue parti private non era nel design originale, ma è stata aggiunta in un restauro nel 1988.

  1. Casa d’oro

Soggiornando sul Mercato Lungo, due porte a destra dell’Artus Court è un edificio spesso lodato come il più bello della città.

Non è facile essere in disaccordo quando si intravede la facciata bianca e dorata.

Con l’architettura manierista, la Golden House fu creata per Jan Speyman, sindaco di Danzica all’inizio del XVII secolo.

Progettata da Abraham van den Blocke ancora una volta, la casa ha la firma, la ristrettezza e l’altezza di Danzica.

Ma dove si distingue è per i suoi fregi scolpiti, 16 busti sui suoi pilastri che rappresentano i re polacchi e le statue in cima alla sua balaustra per Achille, Antigone, Cleopatra ed Edipo.

  1. Municipio principale

Il municipio principale è stato redatto da un gruppo di architetti olandesi a metà del XVI secolo.

Dovrai alzare la testa per vederlo, ma c’è una statua dorata a grandezza naturale di Sigismondo II Augusto, il re del periodo, sull’apice a 83 metri sopra il livello della strada.

L’interno è anche gestito dal Museo storico e ha sontuose sale di rappresentanza in stile manierista olandese.

La piccola sala consiliare, la grande sala consiliare, la sala bianca e la sala invernale presentano stucchi dorati, soffitti a cassettoni, pavimenti in marmo, affreschi, sculture e arazzi. Puoi andare alla galleria di osservazione per una visione verticale della città e ascoltare il carillon di 37 campane ogni ora.

  1. Ulica Mariacka (St Mary’s Street)

Cominciando dalla chiesa di Santa Maria e proseguendo verso est verso il fiume Motlawa e la porta di Santa Maria, Ulica Mariacka è una deliziosa strada acciottolata bordata da strette case di mercanti con portali regali.

Puoi capire perché questa strada è spesso usata come location per le riprese di film d’epoca e, come molti di Danzica, è stata ricostruita dopo aver subito ingenti danni durante la seconda guerra mondiale.

Tutti gli ingressi di queste case sono su piccole terrazze a pochi passi dalla stessa strada, e i ristoranti che costeggiano la strada hanno tavoli in questi spazi carini, spesso con rilievi ornamentali sui loro bassi muri.

  1. Gru di Danzica

Emblema della città, la gru di Danzica sul lungo terrapieno di Motlawa risale al XIV secolo.

Questo macchinario ricorda il periodo in cui Danzica era nella Lega anseatica e poteva caricare o scaricare quattro tonnellate di carico, sollevandolo a un’altezza di 11 metri.

Il potere veniva dagli umani, poiché gruppi di uomini camminavano all’interno di due grandi ruote di legno come se fossero criceti.

La gru raddoppiò come una porta della città sul mare e fu in uso fino al 1800.

Ora gestito dal National Maritime Museum, è possibile visitare le ruote e una mostra sul lavoro e la vita quotidiana nel porto dal 1500 al 1700.

  1. Dlugie Pobrzeze (Long Embankment)

Prima che il porto fosse trasferito alla foce del fiume Vistola morta nel XIX secolo, questa banchina era il luogo in cui avvenivano tutte le operazioni di carico e scarico di Danzica.

In quei tempi la difesa era vitale, e quindi c’è un “cancello d’acqua” che difende l’ingresso di ciascuna delle strade che corre perpendicolare al fiume qui.

Queste sette porte, i vecchi magazzini sulla riva opposta e le caratteristiche case a capanna strette che si affacciano sull’acqua, evocano la magia dei vecchi tempi.

Ma mentre la scena è ora piuttosto pittoresca, i moli qui avevano una cattiva reputazione ai vecchi tempi quando i criminali si aggiravano nella banchina.

Questo famoso percorso turistico ha molti posti a sedere all’aperto se desideri un pasto sull’acqua.

  1. Museo della seconda guerra mondiale

Questo museo punto di riferimento è stato inaugurato nel marzo 2017 e si erge su un quarto che era stato schiacciato durante la guerra.

Ha senso che Danzica dovrebbe avere un museo di questo calibro sul conflitto perché l’invasione della Polonia è iniziata sul serio nella Città Libera di Danzica il 1 ° settembre.

Molti dei 2000 reperti del museo sono stati donati da famiglie che sono state coinvolte nel conflitto, dando un volto umano alla devastazione.

Le mostre sono progettate in modo non ortodosso e quindi sono difficili da descrivere in un paragrafo, ma ci sono molte installazioni immersive.

Uno che rimarrà con te è un appartamento a Varsavia, con camere da prima, durante e dopo la guerra.

Ci sono anche due carri armati, uno Sherman M4 Firefly e un Soviet T34, collocati in scene di strada danneggiate dalla guerra che dovevano essere costruite intorno a loro.

  1. Westerplatte

Successivamente puoi fare il breve viaggio verso la penisola che curva attorno alla curva finale della Vistola morta.

Qui metterai piede sul ground zero per la seconda guerra mondiale.

Un deposito di transito militare polacco fu installato qui negli anni 1920 su autorizzazione della Società delle Nazioni e fu visto dai tedeschi come un primo domino vitale per la loro invasione.

Con rifornimenti in diminuzione e nessun modo efficace di rispondere all’attacco, il deposito resistette ai bombardamenti dal mare e per sette giorni prima di arrendersi il 7 settembre.

Dopo la guerra una delle guardie fu restaurata e trasformata in un museo, mentre le altre furono lasciate in rovina.

Nel punto più alto di Westerplatte c’è anche un monumento ai “Defender della costa”, eretto nel 1966 e fatto di 236 blocchi di granito che si innalzano a 25 metri.

  1. Golden Gate

All’estremità occidentale di Long Street, questa bella porta manierista si trova in una serie di fortificazioni di fronte alla temibile Torre della Prigione e alla Porta Alta.

Il Golden Gate è del 1610 ed è stato rialzato per sostituire un cancello gotico che era venuto prima.

Abraham van den Blocke, l’uomo dietro la Fontana di Nettuno e la Golden House hanno ideato il design di questa struttura.

Il cancello ha una balaustra sul tetto e su entrambi i lati sono quattro statue allegoriche che rappresentano le qualità di un cittadino ideale basato sulle virtù cardinali classiche: Pace, Libertà, Ricchezza e Fama sul lato ovest, e Armonia, Giustizia, Pietà e Prudenza di fronte a Long Street.

Queste figure sono nella parte superiore di quattro colonne ioniche con capitelli dorati.

  1. Oliwa Catheral

Come la vedi ora, questa chiesa nel distretto di Oliwa, circa 10 chilometri a nord-ovest del centro storico, risale al XIV e al XV secolo.

Un incendio ha distrutto l’interno nel 1577 durante la ribellione della città, quindi quasi tutte le decorazioni sono rinascimentali, manieriste e barocche.

C’è un solenne portale barocco del 1688 all’ingresso, sotto due torri strette, ciascuna alta 46 metri.

La navata, il presbiterio e i 23 altari sono decorati con dipinti dei principali artisti di Danzica nel 17 ° secolo.

Ci sono due altari principali, uno “Vecchio” in stile rinascimentale tardo olandese del 1605 e l’altro “Nuovo”, del 1688 e considerato come il miglior pezzo di arte barocca in Pomerania.

  1. Centro europeo di solidarietà

La solidarietà era un movimento sindacale e di resistenza civile fondato nel cantiere navale Lenin nel 1980 e guidato dal futuro presidente Lech Wałęsa.

Per comprendere il contesto e il progresso di Solidarity puoi venire nelle sei sale espositive del Solidarity Centre sulla sua omonima piazza.

Il centro è stato aperto nel 2007 e la sua facciata arrugginita indica gli inizi industriali di Solidarity.

C’è molta sostanza alla mostra, che utilizza un design fantasioso per assicurarsi di non essere mai sopraffatti dai fatti.

Conoscerai i personaggi chiave, scoprirai la filosofia fondamentale di Solidarity e il ruolo della chiesa nel movimento, e anche come si diffuse rapidamente in altri stati satellite sovietici.

  1. Museo dell’Ambra

Quella Torre della Prigione che fa impallidire la Porta d’oro ha un museo tutto sul rapporto di Danzica con questa pietra preziosa.

I depositi di ambra nel Baltico sono i più ricchi del mondo e l’ambra contribuì ad alimentare l’economia della città dopo la costituzione di una gilda per questa pietra preziosa nel 1472. Il primo museo polacco dedicato a ambra documenta questa storia, mostrando come è stata estratta in epoca medievale e come sono state attribuite proprietà magiche e perfino medicinali.

C’è una straordinaria collezione di arte ambrata del XVI, XVII e XVIII secolo, oltre a gioielli moderni e artistici contemporanei realizzati a Danzica.

Scopri le “inclusioni” in stile Jurassic Park, dove gli insetti sono stati intrappolati in questa resina di alberi fossilizzati per decine di milioni di anni.

  1. Spiaggia di Jelitkowo

Dopo un giorno o due per le strade di Danzica potresti essere pronto a riposarti su una spiaggia sul Baltico per un pomeriggio.

Il più vicino si trova sul lungomare del distretto di Jelitkowo a nord-ovest del centro storico.

Questa spiaggia ha un nastro pulito di sabbia fine sostenuta da una catena di parchi e curva per diversi chilometri lungo la costa a ovest.

Dietro la battigia c’è una pista ciclabile asfaltata se vuoi staccarti ancora di più dalla città.

Ma ovunque tu sia, non sarai mai più di una breve passeggiata da un bar sulla spiaggia in estate, e ci sono castelli gonfiabili e tappeti elastici per intrattenere i membri più piccoli del clan.

Puoi arrivare a Jelitkowo con i tram 2, 6 o 8.