Non è facile affermare che il CBD (cannabidiolo o marijuana legale) è uno dei composti più interessanti e promettenti attualmente allo studio delle comunità mediche e scientifiche. Sebbene le agenzie governative non abbiano ancora deciso sull’uso del CBD per trattare molti dei sintomi e delle condizioni per cui è attualmente oggetto di indagine, la  FDA ha recentemente fatto notizia  per l’approvazione del primo farmaco derivato dal CBD per il trattamento di alcune forme di epilessia grave.

Nel frattempo, la disinformazione e la confusione sulla marijuana legale abbondano ancora a causa dell’emergenza relativamente recente e della consapevolezza diffusa di questo affascinante composto. Facciamo un tuffo nel profondo del cannabidiolo (CBD) ed è esattamente ciò che fa e non fa.

CHE COSA SIGNIFICA CBD?

Il CBD è semplicemente l’abbreviazione di “cannabidiolo”, la seconda molecola di cannabinoide più abbondante prodotta all’interno della pianta di cannabis (canapa). La molecola più abbondante, ovviamente, è il THC: la sostanza chimica psicoattiva famosa per far sentire gli utenti “alti” (si noti che il CBD non ha questo effetto). Tieni presente che il tuo corpo ha già un sistema endocannabinoide, un sistema molecolare estremamente importante che il tuo corpo utilizza per regolare ed eseguire varie funzioni critiche. La marijuana legale si lega ai recettori di questo sistema; i nostri corpi sono stati progettati per interfacciarsi con i cannabinoidi sin dall’inizio: li produciamo anche in modo naturale!

FATTI DI CANNABIDIOL (CBD)

  • Il CBD non ti rende “sballato” (non inebriante)
  • Proviene da piante di canapa o cannabis
  • È in fase di studio per potenziali proprietà antiepilettiche e antinfiammatorie
  • Interagisce indirettamente con i recettori dei cannabinoidi CB1 e CB2
  • Il CBD è totalmente legale da acquistare e possedere

COME FUNZIONA IL CBD?

Come abbiamo affermato in precedenza, il tuo corpo ha già un sistema endocannabinoide selvaggiamente complesso che colpisce diverse aree e funzioni. Tale sistema è pieno di “recettori”, siti che attendono la presenza di molecole di cannabinoidi. Quando il cannabinoide si avvicina, il recettore lo legherà a se stesso, creando una sofisticata interazione chimica che la scienza moderna sta appena iniziando a grattare la superficie della comprensione.

A differenza della molecola gemella THC, il CBD non ti fa sentire alto – ma non pensare che la mancanza di effetti psicoattivi o inebrianti significhi che non sta accadendo nulla. Al contrario, è molto chiaro che ci sono molte risposte chimiche che si verificano quando il CBD si lega a quei recettori dei cannabinoidi. Detto questo, il sistema endocannabinoide è onnipresente nel corpo umano, influenzando in qualche modo quasi tutte le principali funzioni (in particolare la regolazione omeostatica). Per questo motivo, è piuttosto un compito discernere tutto ciò che fa il CBD, precisamente, quando si verifica l’associazione. Ecco dove si trova la ricerca in questo momento: cercare di risolvere quel mistero.

CBD vs. THC

Sebbene condividano la stessa famiglia di piante di origine (cannabis), c’è un’enorme differenza tra CBD e THC – sia nell’effetto che hanno, sia nel modo in cui interagiscono chimicamente con il tuo corpo. Fino a poco tempo fa, il CBD era in qualche modo stigmatizzato e non preso sul serio come potenziale agente terapeutico a causa della sua vicinanza chimica al THC (la sostanza chimica che crea un “alto” inebriante). Ora che queste barriere stanno cadendo, il CBD viene finalmente esplorato scientificamente per la prima volta. Quando si tratta di CBD vs THC, stabiliamo il record una volta per tutte.

EFFETTI CBD (Marijuana legale)

  • Non psicoattivo / inebriante
  • Agonista indiretto dei cannabinoidi
  • Si lega al sito del recettore allosterico
  • Non tossico e sicuro per l’uomo e gli animali

EFFETTI THC (Marijuana NON legale)

  • Altamente psicoattivo / inebriante
  • È stato dimostrato che provoca ansia in alcuni utenti
  • Ancora illegale in molte parti degli Stati Uniti e nel resto del mondo
  • Si lega direttamente ai recettori dei cannabinoidi CB1 e CB2
  • Si lega al sito del recettore ortosterico
  • Non sicuro o appropriato per gli animali

A CHE COSA SERVE L’OLIO DI CBD?

Prima di discutere alcuni usi dell’olio di CBD, dovremmo chiarire un’area di confusione: che cos’è esattamente l’olio di canapa CBD? L’olio di canapa CBD è semplicemente il prodotto di olio estratto naturale della pianta di canapa, una specie non psicoattiva della famiglia della cannabis. Sebbene anche l’olio di CBD possa essere derivato dalle specie psicoattive (marijuana), quegli oli possono finire per contenere tracce più elevate di THC, che non è l’ideale per tutti i consumatori d marijuana legale.

Il sistema endocannabinoide umano, con il quale la marijuana legale sembra interfacciarsi direttamente, ha una profonda influenza su una miriade di aree e funzioni diverse nel nostro corpo. Pertanto, la comunità scientifica è al lavoro per cercare di capire se – e come – il CBD può regolare o influenzare direttamente il nostro sistema endocannabinoide per provocare effetti positivi nel corpo.

Il fatto è che nuove ricerche sono in corso e pubblicate sul CBD ogni singolo giorno, e non sappiamo del tutto in modo definitivo come o in che misura funziona, ma il potenziale è sorprendente. Il settore finanziario scommette sicuramente sulla continua popolarità dell’olio di canapa CBD: un recente articolo di Forbes ha stimato che il mercato del CBD crescerà del 700% entro il 2020.

NOVITÀ SUI VANTAGGI POTENZIALI DEL CBD

Non passa una settimana in questi giorni senza che il CBD afferri un titolo o due, e la notizia è affascinante mentre gli studi clinici continuano ad approfondire il mistero di questo composto unico.

Oltre all’enorme quantità di ricerche condotte sul CBD proprio in questo momento (in gran parte finanziate dal governo degli Stati Uniti), rapporti aneddotici di felici utenti di CBD hanno inondato Internet e catturato l’attenzione dei media globali.

Inoltre, nel 2017 l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha condotto un rapporto esauriente sull’impatto sulla salute pubblica e sull’efficacia del CBD. La loro conclusione? Il CBD è sicuro e non tossico da utilizzare, anche a dosi estremamente elevate.

Potrebbe interessarti anche: Libri per smettere di fumare e 10 consigli per farlo facilmente